Daniela Seminara
Industrial & graphic designer

 
     
 

Twitter

Pinterest

Linkedin

Blog

info@danielaseminara.com

toyforall
 
   

©2012 November  · Daniela Seminara e Isabella Steffan “Toys for All” in ISABELLA TIZIANA STEFFAN, Design for All – Il Progetto per Tutti. Metodi, strumenti, applicazioni. ISBN 88-387-6181-7 EAN 978-88-387-6181-2. MAGGIOLI EDITORE

ACQUISTA UNA COPIA QUI

 
 

SINTESI:

All'interno del libro"'Design for All – Il Progetto per Tutti. Metodi, strumenti, applicazioni" il capitolo "Toy for All" vuole aprire una riflessione sulla possibile progettazione e commercializzazione di giocattoli, giochi e ambienti di gioco che siano fruibili dalla più amplia gamma possibile di bambini, dando alcuni riferimenti scientifici sulla natura innata e spontanea del gioco, e un approfondimento più dettagliato al gioco dei bambini con problemi visivi.

L’obiettivo di questo scritto è anche quella di sollecitare la diffusione di giochi che siano il più inclusivi possibile permettendo ai bambini, anche con disabilità grave, di godere dei momenti di gioco e soprattutto non essere esclusi dalle attività socializzanti dei giochi con altri bambini.

Englsh Abstract:

This chapter seeks to understand how 'well tought' games, toy and playful places, can be enjoyed by a large variety of children.

We will talk about play as a spontaneous skill tahta every child possesses from borth, according to most important play theories. In partocular, we will focus on play of the children with visual impairments and the importance for them to play and to have toys in order to reach appropriate stage cognitive development.

The aim of this report is mainly to spread examples of how toys designed in inclusive method may be interesting case studies to teach 'design thinking' and a serious topic for new business in the toy field.

 
 

Riferimenti bibliografici

  • Alliegro M. (1993), “L’educazione motoria dei minorati della vista”, Armando, Roma.

  • Bireger A. (2000), “Creare giocattoli per tutti”, in: “Crisp and Clear”, n.4, EIDD.

  • Ceppi E. (1990), “I minorati della vista”, Armando Editore, Roma.

  • Commissione Europea (14-11-2011), - a cura di- Toy Safety - Ensuring children benefit from the highest level of protection

  • http://tietoy.org/publications/Toy_Safety_brochure_-_2011_-_IT.pdf

  • Costa M., Romero M., Mallebrera C., Fabregat M.,Torres E., Martínez MJ.; Martínez Y., Zaragoza R. Torres & S. y Martínez P. (2007), “Nueva herramienta documental para el diseño de juguetes accesibles”, Instituto Tecnológico del Juguete (AIJU), Alicante.

  • Fördern durch Spielmittel e.V. (1992), - a cura di -, “Toy Workshop: toys you can make yourself for handicapped and non-handicapped children” , Vol. 1, Bartsch, Ekkehard, Berlin.

  • Fördern durch Spielmittel e.V. (2007), - a cura di -, “Play Cultures. building - playing - learning: 14th UNESCO-Creativity Workshop”, Fördern durch Spielmittel e.V., Gütersloh.

  • Fördern durch Spielmittel e.V. (2007), - a cura di -, “Spielkulturen. Bauen – Spielen – Lernen: 14. UNESCO-Kreativitätsworkshop”, Fördern durch Spielmittel e.V., Gütersloh .

  • http://www.guiadeljuguete.com/2010/publicaciones-de-interes.php

  • Lanners J., Salvo R. (2000), - a cura di - “Un bambino da incontrare”, Fondazione Hollman, Offset Invicta, Padova.

  • Lastrico E., Steffan. I. (2001), “Ottimizzazione dell’attività di workshop creativi internazionali.” In atti del VII congresso nazionale SIE: “L’Ergonomia nella società dell’informazione. Ambienti, organizzazioni, servizi e prodotti.” Ed. SIE, Milano.

  • Millar S. (1968), “La psicologia del gioco infantile”, Boringhieri, Milano.

  • Montessori M. (1912), “The Montessori method”. Digitalezed book http://digital.library.upenn.edu/women/montessori/method/method.html.

  • Munari B. (1999), “Giochi e giocattoli, Da cosa nasce cosa”, Ed. Laterza, Roma.

  • Page H. (1963), “Giochi e giocattoli nei primi cinque anni”, Ed. Universitaria, Firenze.

  • Piaget J., Iinhelder B. (1976), “La psicologia del bambino”, Einaudi, Torino.

  • Sheridan M.D. (1984), “Il gioco spontaneo del bambino. Dalla nascita ai sei anni”, Raffaello Cortina Editore, Milano.

  • Romagnoli A. (1991), “Ragazzi ciechi”, Armando, Roma.

 
  Works © Daniela Seminara 2005-2013.
Please do not reproduce without the expressed written consent of Daniela Seminara..